Loading...

Aipem. innoviamo la comunicazione dal 1975

  • Aipem. innoviamo la comunicazione dal 1975

L’innovazione ha sempre una lunga storia. Perché si fonda su conoscenze tecniche ed esperienze. E sulla capacità di guardare oltre il presente per capire in anticipo dove andremo domani.

Questa è la storia di Aipem, la più longeva agenzia indipendente d’Italia, che del 1975 è presente sullo scenario nazionale sempre sotto la stessa guida, identità e valori. Per Paolo Molinaro, fondatore e presidente di Aipem: “innovare è un’attitudine innata. Ci nasci, è un modo di essere che non muta col tempo, anzi, si affina e diventa il tuo personale carburante per darti la spinta ad esplorare sempre nuovi orizzonti”.

L’Agenzia Italiana Pubblicità E Marketing, nel corso di quasi mezzo secolo di storia ha sempre precorso i tempi: “Sapevamo come fare essere efficace la rete prima dell’avvento di internet e dell’esplosione del fenomeno social - racconta Molinaro - perché per primi abbiamo adottato una mentalità proiettata al futuro e che, oggi, è il nostro più importante patrimonio. Ciò che ci differenzia è il saper dare massima espressione alla creatività mettendola in connessione dinamica con la visionarietà digitale. Da questo connubio nasce il nostro know-wow: saper stupire con intelligente creatività digitale”.

In questi anni Aipem ha formato ben due generazioni di creativi, molti dei quali hanno raggiunto professionalità e grado di autonomia adeguati per replicare in autonomia il suo modello etico e creativo. Lavorando sempre sull’innovazione e in particolare approfondendo le numerose opportunità offerte dalla comunicazione digitale, recentemente l’agenzia udinese si è distinta per aver sviluppato una propria piattaforma di Live Streaming Marketing.

“Possiamo serenamente affermare che Aipem ha fatto scuola - conclude Molinaro - perché abbiamo saputo cavalcare e a volte anticipare le mutazioni tecnologiche e culturali del mondo della comunicazione. Restiamo un punto di riferimento, un modello che, dal 1975, continua ad essere osservato e replicato. E questo è uno dei nostri più grandi motivi d’orgoglio”.